Come si investe - conclusioni - i motivi di una scelta: l'uomo

Siamo quasi alla fine del viaggio, e ci guardiamo indietro, prima di guardare avanti: basi ed approccio, informazioni rilevanti, dove e come, CON CHI. Abbiamo parlato a lungo, approfondito con linguaggio popolare, a volte anche più che semplice. Poi abbiamo intrapreso un viaggio più complesso, dentro la meraviglia dell'uomo. Abbiamo acceso lo sguardo sulle profondità della sua struttura fondante, la MIMESI, e lo abbiamo capito. Ed ora, quasi in fondo al sentiero, verrebbe voglia di tirar le somme, concludere.

MA NON SI PUO'

Tutto quello che abbiamo precisato e sottolineato, anche tutto quello che abbiamo insegnato, modestamente, si perde. Evapora, come non pronunciato, se non allarghiamo il senso profondo di questa nostra opera. C'è che siamo immersi in un tempo corroso, come non ricordarlo, non possiamo salvarci da soli, oggi non più. Nessuna via di fuga per pochi: tutti assieme, oppure nessuno.

NON SONO SOLO INVESTIMENTI

E' forse corretto pensare che il nostro mercato sia separato dal resto del mondo ? Ha senso immaginare di salvare quello, riformare quello, magari solo perché ci riguarda da vicino, ma poi non occuparci del resto ? Come se il resto non fosse profondamente legato con quello ? Poco credibile. Le deformazioni e le delegittimazioni a cui abbiamo assistito, i danni stessi della Crisi, non sono questioni racchiuse in una ampolla, né riserve di un piccolo mondo di consulenti. Tutto ciò che facciamo, che non facciamo, interferisce e condiziona ogni altra cosa, perché il nostro mercato coinvolge la vita ed il futuro di tutte le famiglie, attraverso il risparmio. Non vi è modo di separare alcunché, nemmeno volendo. Siamo parte vibrante del tutto, e la finanza contribuisce a colorare la vita di tutti, direttamente o indirettamente.

E' necessario ribaltare l'ottica, quindi, e porre al centro il contorno: renderlo vivido e presente alla nostra attenzione. Vi invitiamo ORA, clienti e colleghi, a fare altrettanto. Riflettete sul senso profondo di questo NUOVO METODO, perché non è soltanto questo. In esso è contenuto il germoglio di uno strumento capace di recuperare la nostra umana VERITA'. Siamo immersi nel tutto, abbiamo detto, dunque non basta una verità al singolare, e nemmeno a noi può bastare la nostra.

Occorrerà allora ESIBIRE questa nostra conquista, estenderla, diffonderla. Non basta più esporre un rendimento, senza spiegare COSA lo ha prodotto. L'Antropologia del Rendimento ® riposiziona senso ed equilibrio sull'uomo: questo riguarda tutti. Lo testimoniamo per questo, per averlo vissuto noi per primi sulla nostra pelle: il GUADAGNO non deve essere un obiettivo, ma una conseguenza. Ciascuno di noi ha verificato, almeno una volta, nella vita, che ...

FARE LE COSE PER BENE TI AIUTA A VIVERE MEGLIO

Dobbiamo dare SENSO a ciò che facciamo. La deriva finanziaria non è sola, vedete, essa vive ed ha vissuto profondamente, così tanto e così a lungo, solo perché contenuta all'interno di una ben più vasta, possente e diffusa idea sintetica: quella sociale. Essere capaci di costruire sintesi e repliche di conto economico non serve, se la base su cui poggia il successo esiste solo nelle finzioni matematiche delle tue splendide equazioni. Veicoli e costruzioni svelano sempre, nel tempo, le loro effettive degenerazioni: non puoi spalmare espansione sulle persone reali, esse debbono parteciparla e costruirla, non dedurla da alcuni artifizi.

Il danno lo possiamo misurare, come oggi sappiamo, nei tormentoni, tipo quello si sente pronunciare sempre più spesso ... che vuoi fare, è inutile, tanto sono tutti ugualiEbbene, quel DERIVATO culturale ha danneggiato e corroso la nostra stima di influenza sul futuro, attenzione, arrivando a rendere indolenti e passivi, in noi, quegli anticorpi che avrebbero dovuto - invece - segnalare i guasti, per tempo, ed indurre tutti all'azione.

MALANNI DI UN PROCEDERE ADULTERATO

E' per questo che stiamo percorrendo un viale del declino, esteso sì, perché oggi questo declino si manifesta anche con un parallelo, devastante smottamento demografico. Figlio diretto di uno sconquasso complessivo, dove la mazzata economica ha svolto un ruolo di acceleratore, questo nuovo, parallelo disastro sta gettando le basi per la nostra distruzione sociale. Ma noi lì fermi, senza batter ciglio, si va avanti lo stesso, senza cambiare passo, ecco i nuovi derivati: i robot. Tutti intenti a manipolare la vita, il destino, non più soltanto la finanza, quella non ci basta più. Piegati da una pigrizia mentale senza precedenti, frutto di una idea di vita dove in teoria tutto è dovuto. E' da questa bizzarra pulsione, che mischia desiderio e diritto, che nasce, è nata, la distrazione sulle vicende economiche. Poi su quelle europee e sociali, poi sulla piaga di una selvaggia immigrazione. Presi a contare mille piccole dracme ...

Così, osservando con occhi di silenzio schiere di DERIVATI devastare Enti Locali, Banche e Risparmio, l'altra crisi - demografica - si alleava e si inerpicava su quella economica e costruiva, ha costruito, attorno ai nostri figli una diga:

UN PAESE FUNZIONA SE METTE NUOVE GENERAZIONI

NELLE CONDIZIONI DI INTRAVEDERE UN RUOLO NEL FUTURO

( Alessandro Rosina - studioso di demografia - Università Cattolica di Milano - 2017 )

Ed allora vedete, cambiare, migliorare il nostro habitat economico non è più soltanto UTILE, oggi, bensì NECESSARIO ed URGENTE, per tutti noi e per tutti gli altri. Cambiare, suvvia, non è più soltanto risolvere i problemi di un mondo, fosse pure il mondo della finanza. Cambiare quello significa infettare di cambiamento anche tutto il resto. Si va oltre, inevitabilmente, di fatto. Ma si va oltre anche esplicitando quale precisa intenzione ci muove, ci scuote e ci sorregge. Allargare lo sguardo, infatti, ponendovi intenzione e volontà, portatori di un progetto, e proiettarlo verso la deriva di delusione e scetticismo che affligge il nostro vivere. Magari prendendo spunto proprio da questa nostra piccola rivoluzione antropologica. Essa si dipana ed avvolge facilmente la dimensione del PENSIERO, perché di PENSIERO si  nutre. Ed è il PENSIERO l'unico antidoto che può guarirci da questo tempo così corroso, in tutti i sensi.

NEL MONDO DEL RISPARMIO E' RICOMPRESO TUTTO IL MONDO

Se noi abituiamo persone e famiglie a riflettere sulla verità dei mercati, se noi inseriamo come abitudine la presenza della VERITA' sul campo, accadrà che questo modo di procedere modificherà l'umore di molti, li contagerà attraverso la nostra REPUTAZIONE. Sarà naturale, a quel punto, immaginare che persone e famiglie potranno facilmente modificare la loro percezione, e si formeranno una diversa idea del mondo in cui vivono ... perché lo giudicheranno anche attraverso il nostro operato.

Non si tratta più di efficienza finanziaria, o di resilienza, e neppure di nuovi metodi o nuovi prodotti. Al punto in cui siamo si tratta di RIPRISTINARE, anche col nostro aiuto, una corretta idea di convivenza civile. Quindi riparare e neutralizzare errori e sviste, a partire dalle  nostre, aiuta comunque tutto il mondo attorno a noi a formarsi un'idea di tessuto sociale affidabile, nuovo, sano. Un tessuto sociale che tiene in grande rispetto il risparmio delle famiglie, attraverso l'opera delicata, minuziosa e costante, di tanti, diffusi protagonisti: i consulenti. Che generano comportamenti di verità, giammai trucchi.

Una idea di convivenza che testimoni e pratichi, finalmente, il valore del RISPETTO e suggerisca a tutti che certo, ci si può fidare di un professionista, come di una professione ...

 

NON SONO SOLO INVESTIMENTI

E' IL VOSTRO FUTURO

MA ANCHE IL NOSTRO

 

 

 

 

 

CONTATORE VISITE

00165495

ON LINE

Abbiamo 53 visitatori e nessun utente online

Copyright © 2016. All Rights Reserved.